Scuola Materna Stia

  L’Amministrazione di Pratovecchio – Stia ha in previsione la costruzione di una scuola materna a completamento della cittadella scolastica, realizzando un edificio altamente efficiente dal punto di vista energetico, con struttura in legno e una geometria modulare al fine di poter ampliare in futuro la struttura da 4 a 5 sezioni da 30 alunni ciascuno. Per venire incontro alle richieste formulate quindi, è stato pensato un progetto che in prima analisi prendesse in considerazione l’orientamento del lotto così da definire la distribuzione delle funzioni in base agli apporti solari gratuiti, collocando le aree di maggior stazionamento a nord, in modo tale da poter concentrare le aree vetrate al fine di… Read More

Continue Reading

Premio Chiarugi

  Tema del concorso era la realizzazione di uno spazio polifunzionale coperto nel parco di Serravalle ad Empoli. Dall’osservazione dell’area verde, questa si caratterizza da linee curve tanto in alzato che in pianta; il lago, gli avvallamenti di terreno, la presenza di alcune collinette che movimentano lo spazio ci dicono che l’area è governata da andamenti morbidi e fluidi che la proposta progettuale intende riprendere, facendo sì che il nuovo si integri con l’esistente in maniera del tutto naturale senza che vi siano delle forzature, dei punti di attrito che facciano percepire l’opera come estranea. Il progetto è stato pensato intorno a specifici punti che il gruppo si è prefissato: Creare il minor… Read More

Continue Reading

Piazza dello Spirito Santo

  Da un punto di vista architettonico la volontà è stata quella di marcare il recupero delle interconnessioni pedonali al momento latitanti, sottolineando ciò attraverso l’utilizzo, all’interno di questa fittizia viabilità, della medesima pavimentazione in pietra arenaria grigia presente nelle strade del centro storico pistoiese. Lo spazio della piazza in questo modo risulta allo stesso tempo unitario e frazionabile così da perseguire una idea di flessibilità. L’area diventa a seconda delle occasioni e delle manifestazioni singola ma, allo stesso tempo, molteplice, in quanto ogni “zona di resulta” limitata dalle tracce delle strade diventa una nuova piccola piazza, un nuovo palcoscenico che può essere organizzato in modo diverso a seconda di… Read More

Continue Reading

Recupero sottotetto BIERRE

  L’intervento è stato incentrato sul recupero di un sottotetto di pertinenza di un’abitazione. Il locale si presentava come unico, senza partizioni interne e con una copertura costituita di sole tegole marsigliesi appoggiate su travetti in legno. Inoltre una parte della copertura, quella dove è stata realizzata la terrazza, non risultava accessibile vista la presenza di un tetto a padiglione. Il progetto quindi ha previsto il rifacimento della copertura, con l’inserimento di travi in legno lamellare 10×20 cm, e la posa in opera di uno strato di coibentazione al fine di migliorare la risposta termica del tetto. Tale accorgimento è stato eseguito anche lungo le pareti perimetrali ed inoltre è… Read More

Continue Reading

Rifacimento copertura capannone

  L’intervento seguito ha previsto la bonifica e il rifacimento della controsoffittatura e della copertura dell’immobile. Vista la parziale calpestabilità del tetto, da un punto di vista operativo si è proceduto a bonificare il controsoffitto, consentendo così la creazione di un piano sicuro per poter procedere con la “bonifica da sopra” della copertura, evitando l’interruzione dell’attività lavorativa. La sezione costruttiva ha previsto la sostituzione della copertura in cemento amianto con una lastra di 10 mm di spessore e del controsoffitto composto da amianto e materassino di lana con un pannello coibentato di 60 mm di spessore. Le procedure operative di bonifica hanno previsto la sostituzione del controsoffitto per poi passare… Read More

Continue Reading

Nuova copertura e impianto fotovoltaico

  Il complesso immobiliare costituente la cantina vinicola VICAS a Pontassieve, presentava una copertura in cemento amianto. Usufruendo di un bando regionale a sostegno delle imprese, è stata volontà della committenza eseguire la bonifica dell’amianto, l’installazione di una nuova copertura e di un campo fotovoltaico. Inoltre, al fine di proteggere le travi esposte agli agenti atmosferici, il nuovo manto di copertura è stato progettato in modo tale da non lasciare più la parte strutturale a diretto contatto con l’esterno. Il lavoro quindi si è articolato in 3 momenti: il momento iniziale è stato il progetto, dove si è provveduto a studiare il nuovo sistema di copertura riferito alla sottostruttura di… Read More

Continue Reading